L’ultima Riga

Libro2

Nicola Mosti
Prezzo: 8,00€

Ne “L’ULTIMA RIGA” Goffredo, uno spietato killer su commissione, è costretto a seguire il percorso di un’insolita refurtiva ed a ricostruire i giri di mano cui questa viene sottoposta. Si trova così a risalire la china di un’umanità cinica, in cui i veri protagonisti sono il denaro e la follia.
Il romanzo è una cruda dissezione della psiche umana e delle sue storture, rappresentate senza alcuna ipocrisia, secondo una chiave iperrealistica. La descrizione assume a tratti una connotazione quasi caricaturale, fino a divenire la visione allucinata della società contemporanea, colta nel suo incosciente tragitto verso la dissoluzione.
Lo stile narrativo, in vari stralci ricercato, abbraccia altrove – e senza remore – il linguaggio sordido da strada, caricandosi compiaciuto del suo poetico squallore.

. . .

Allerta per coronavirus

8 marzo 2020|Commenti disabilitati su Allerta per coronavirus

  In questo periodo di emergenza sanitaria compito del medico è anche quello di supportare i propri pazienti, e i cittadini in genere, dal punto [...]

I ritmi cronobiologici nei disturbi dell’umore

13 dicembre 2018|Commenti disabilitati su I ritmi cronobiologici nei disturbi dell’umore

“Numerosi fenomeni biologici hanno un andamento ritmico: queste fluttuazioni cicliche possono essere sincronizzate da fattori ambientali come il ciclo giorno-notte, il ciclo lunare o l’alternarsi [...]

Il ruolo della farmacogenetica nella personalizzazione della cura

26 luglio 2019|Commenti disabilitati su Il ruolo della farmacogenetica nella personalizzazione della cura

      Negli ultimi venti anni la ricerca genetica ha fatto notevoli progressi in medicina con la cosiddetta “rivoluzione genomica”. Grazie alla definizione della [...]

Gioia post-divorzio: come la donna riconquista se stessa

13 agosto 2018|Commenti disabilitati su Gioia post-divorzio: come la donna riconquista se stessa

 Molte donne per il timore di rimanere da sole accettano incondizionatamente rapporti di coppia insoddisfacenti o, peggio ancora, distruttivi.  Nel timore dell’abbandono, alcune arrivano ad [...]